e

LA BELLA VERGOGNA

FURA DELS BAUS - ULDERICO PESCE

01

Ottobre

Scheda spettacolo

“La Bella Vergogna” è un evento spettacolare, costruito attraverso fasi laboratoriali, nato in sinergia con la Fura dels Baus (Spagna), Ulderico Pesce, Mauro Diazzi, ed altri partner.

LA BELLA VERGOGNA” è un progetto in coproduzione con la Fondazione Matera Basilicata 2019. Mira a raccontare le “vergogne” che, nel tempo, sono diventate “bellezza” e le “fughe” e gli “arrivi” degli uomini che hanno arricchito i territori di energia e bellezza. Gli spunti tematici sono:

- il comizio che Palmiro Togliatti tenne a Matera il 1° aprile 1948 quando definì la situazione igienico sanitaria dei Sassi di Matera “una vergogna nazionale” e quando riconobbe in Matera, la “capitale del mondo contadino italiano”; - la descrizione che Carlo Levi fa, nel “Cristo si è fermato a Eboli”, della situazione “vergognosa” in cui vivono circa 20 mila abitanti dei Sassi di Matera, una “vergogna da sanare” ma che rappresenta anche l’infinita “bellezza di Matera.”; - le attuali “vergogne”, prima fra tutte, la fuga di uomini, donne e bambini che arrivano in Italia da nazioni povere, o caratterizzate da regimi dittatoriali, o ricche di risorse energetiche ma colonizzate da paesi Occidentali che sfruttano le risorse lasciando gli abitanti del luogo nella più assoluta povertà; - la fuga, a partire dal 1500, di popolazioni di Rito Bizantino che scappano dai Balcani perché minacciati dall’esercito Musulmano e si stanziano nelle aree interne della Basilicata, alle pendici del Monte Pollino, nello specifico a San Paolo Albanese. Questo popolo vive da circa 600 anni conservando la lingua, riti come l’Himuneya, la lavorazione della ginestra, i canti e la musica di un tempo. La “vergogna”, un tempo in fuga, è diventata, anche in questo caso: “bellezza”; - le fughe dei monaci bizantini che, a seguito delle Leggi iconoclaste del 726, partirono dall’Oriente per sbarcare sulle coste del Metapontino. Da lì risalirono i fiumi della Basilicata, al tempo navigabili, e arrivarono a Matera, a Guardia Perticara, a Cersosimo ecc. In questi luoghi cominciano a vivere nelle grotte e a dipingerle creando opere memorabili; - la fuga attuale dai piccoli paesi italiani, soprattutto di giovani che vanno a radicare la propria vita lavorativa nelle grandi città mentre i paesi diventano luoghi “bellissimi e desolati” abitati da anziani e badanti; - la fuga di 400 tonnellate di petrolio dal Cova di Viggiano, nel cuore della Basilicata, dove insiste il giacimento petrolifero più grande dell'Europa continentale, e le tragiche conseguenze che sta avendo per la salute degli uomini, degli animali e dell'ambiente e che sta, inoltre, trasformando la bellezza in vergogna. Il progetto mira ad indagare questo ossimoro: “la vergogna può diventare bellezza”? e “la bellezza può essere stata una vergogna”? Il tematismo della “bella vergogna” si innesta con un altro tema cardine dello spettacolo: il viaggio dell’uomo alla ricerca di lavoro, di pace e serenità.
 

11

July

La bella Vergogna

Suspendisse leo ex, finibus vel blandit sed, ultricies non dolor. Donec magna tortor, gravida et sem id, consequat accumsan tellus. Maecenas pulvinar elit lacinia. Vestibulum ipsum, a varius dolor volutpat

Ross Weaver / Producer

Cras ex enim, feugiat hendrerit consequat at, posuere in sem. Vestibulum vitae porttitor nibh. Nam eget ultricies risus. Nunc consectetur quam odio, malesuada fames ac ante ipsum primis in 2018/2019

James Franco / Producer